Usi & Consumi

A quanti chiedono insistentemente quali siano le funzioni reali del tablet Apple, questa potrebbe essere una delle risposte.

E per favore la smettano i tecno-nerd di dire che il limite dei prodotti apple non li puoi aprire e non puoi smanettarci dentro…

I ricercatori del dipartimento di archeologia dell’Università di Cincinnati usano iPad all’interno dei famosi scavi di Pompei. E lo usano per lavorare, registrando montagne di preziose informazioni, grazie a una serie di applicativi, che possiamo ritrovare tranquillamente in App Store.

Dai banali appunti fino al riconoscere il periodo storico dei reperti, iPad viene sfruttato per molteplici funzioni: vengono caricate le foto scattate ai vari siti esplorati, aggiunti i commenti tramite Pages, effettuati confronti con database caricati su altri applicativi e note prese a margine. E la lunga durata della batteria del device agevola molto le operazioni.

Come vedete dalle foto iPad si rivela uno strumento molto più agile e pratico di un normale notebook, viene portato direttamente dentro gli scavi, con la possibilità di inserire immediatamente dati importanti, avere grafici e statistiche in tempo reale, senza dover per forza passare attraverso un computer disponibile nelle vicinanze.

Studi archeologici che Apple orgogliosamente definisce migliorati e più accurati. Quello che potrebbe sembrare un device molto delicato, appare invece resistente a sufficienza anche per contesti atipici come quelli di scavi e ricerche all’aperto.

 

P.S. Certo, non è un’oggetto del quale non si può fare a meno…ma come tanti altri. Quanti dei nostri ragazzi (bambini a volte) hanno realmente bisogno di avere in tasca un cellulare con cui essere continuamente “telefonati”?

Usi & Consumiultima modifica: 2010-11-11T11:11:15+00:00da claudioscara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento